ATTENZIONE: Per Lasciare un Commento bisogna essere utenti Iscritti

 

Vuoi Iscriverti e Commentare?

 
Sei già Iscritto? Accedi!

 

Primo passaggio: configurazione di Network Bridge dopo l'installazione

Il programma di installazione di CyberPanel Virtual Machine Manager richiede 4 domande importanti prima di iniziare l'installazione:

Indirizzo IP.
Gateway.
Maschera di rete.
Nome dell'interfaccia.
Quindi cosa succede in background? Normalmente Centos archivia file di rete in / etc / sysconfig / network-scripts / Se il nome dell'interfaccia è eth0 (come fornito nel processo di installazione), il file di rete sarà simile a / etc / sysconfig / network-scripts / ifcfg-eth0, questo file conterrà le configurazioni della tua rete di server. Tuttavia questo non funziona nell'ambiente virtualizzato. Dobbiamo creare un bridge in modo che le macchine virtuali possano avere connettività pubblica. Vediamo come appare questo file di interfaccia prima che CyberPanel faccia qualcosa

BOOTPROTO=static
DEFROUTE=yes
DEVICE=eth0
GATEWAY=192.168.1.1
HWADDR=32:99:c3:5f:5b:3f
IPADDR=192.168.1.2
NETMASK=255.255.255.255
ONBOOT=yes
TYPE=Ethernet
USERCTL=no

Ecco come sarà il tuo file di rete, ci possono essere lievi differenze su varie piattaforme ma più o meno sembrano uguali.

Discuteremo ora come appariranno i file dopo che CyberPanel ha configurato il bridge. Si noti che vari provider hanno il proprio modo di configurare la rete. Alcuni provider usano l'incollaggio, mentre altri hanno configurazioni personalizzate come OVH. Per l'avvio vedremo configurazioni di base su una normale configurazione di rete.

File di rete dopo che CyberPanel ha configurato Bridge
/ etc / sysconfig / network-scripts / ifcfg- <Nome interfaccia>

DEVICE=<Interface Name>
TYPE=Ethernet
BOOTPROTO=none
ONBOOT=yes
NM_CONTROLLED=no
BRIDGE=virbr0

cat /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-virbr0

DEVICE="virbr0"
BOOTPROTO="static"
IPADDR="<IP Address>"
NETMASK="<Netmask>"
GATEWAY="<Gateway>"
DNS1=8.8.8.8
ONBOOT="yes"
TYPE="Bridge"
NM_CONTROLLED="no"

Questi sono solo due file che CyberPanel configurerà o modificherà, in un ambiente normale funzionerà e dopo l'installazione di CyberPanel sarà sufficiente eseguire systemctl restart network affinché il bridge si attivi. CyberPanel non riavvia la rete durante l'installazione perché se la rete si interrompe, si perde la connettività al server, questi file sono configurati e si può riavviare la rete in un secondo momento o configurare i file in base alla piattaforma.

Cosa succede se si utilizza il collegamento in rete?
Alcuni provider utilizzano Network Bonding per offrirti un'esperienza di rete migliore. Prima di eseguire l'installazione è necessario sapere qual è il nome di legame attivo che è possibile utilizzare nel bridge e passare allo script di installazione come Nome interfaccia. Esegui un comando ip per vedere il nome del legame attivo, normalmente è bond0. Prima dell'installazione non è necessario fare nulla, basta passare questo nome obbligazionario allo script di installazione quando viene chiesto il nome dell'interfaccia. Quindi una volta completata l'installazione, è necessario creare un file aggiuntivo: /etc/modprobe.conf

Incolla seguendo nel file:

alias bond0 bonding
options bond0 miimon=100 mode=1 max_bonds=2

E riavvia la rete, se tutto va bene il tuo bridge inizierà a funzionare. Se non funziona, puoi chiedere al tuo provider istruzioni specifiche per creare un bridge sulla rete bonded. Puoi anche cercare online su come impostare il bridge di rete sulla rete per ottenere informazioni su questo argomento.

Impostazione di rete su server OVH
OVH ha dato le proprie istruzioni specifiche su come configurare Network Bridge sui propri server, è possibile leggerlo qui. Tuttavia, nei nostri test, la configurazione predefinita di CyberPanel ha funzionato con OVH e solo il riavvio della rete ha attivato il bridge, ma se non riesce, leggere la guida OVH per configurare il bridge di rete sul server. Assicurati di nominare sempre il tuo bridge virbr0, che è ciò che CyberPanel si aspetta che sia.

Tuttavia con OVH dobbiamo assegnare il MAC virtuale agli indirizzi IP, ne discuteremo nel prossimo documento.

Il prossimo passo è creare un pool di IP, in modo da poter iniziare a creare macchine virtuali.

 


Stampa